Send a comment to:
andrea.ricci18@unibo.it

The University

 

Italian students are amazingly generous, and there is a camaraderie among the students that is a refreshing change from the competitiveness I am accustomed to back in the States.  They will always let you photocopy their notes which 9 times out of 10 are written verbatim.  Thank them with a caffè at Le Stanze.  (ME)

Professors here are not like profs back in the US- I don’t think they consider themselves human really.  They might treat you like a peon, but take it with a grain of salt.  Down deep they are usually pretty cool.  Oh, and it’s especially funny when they make a phone call or light a cigarette in the middle of lecture (or, better yet, your oral exam).  This is perfectly normal and acceptable behavior.  (BT)

The hard part about lecture is taking notes and understanding the professor at the same time.  If you find an Italian willing to let you copy his notes, that’s your best bet.  (CF)

You’d think that the oldest university in the western world would have had time to get organized, but its inefficiency can, in fact, be astounding.  Just keep in mind that it is simply a different way of doing things, take comfort in knowing that somewhere beneath the chaos lies some rationality, and learn to love it. 

Professors are accessible…okay, not really.  Lecture is difficult to understand for the first 5 months, but there is no homework.  (VV)

I chose my classes for my own selfish fancy.  My profs are generally accessible, but talk to classmates and read BCSP reviews.  Lectures get easier with time.  Take notes!  There’s no homework, but exams are a nightmare.  (MV)

I chose classes based on what I could get credit for at home.  Lecture is easy to understand except on hour 2 or 3 when your brain literally won’t do it anymore.  Exams are stressful but the profs are usually so impressed that an American is speaking Italian that it’s okay.  As long as they understand that you know what you are talking about and that there is the language barrier, it all works out okay. (NV)

Go to class even if you don’t understand.  Work hard, do the reading, and talk to your profs (always using the formal…I learned that the hard way).  Make a good impression, and chances are they’ll reward your efforts during the exam. (CFS)

Best-kept secret:  N. 25 Via Zamboni.  Spectacular place to study.  When I’m not studying there I usually study at home or at a friend’s house.  (MIG)

Choose classes based on past experience in the subject.  If you already know a thing or two about it, it’ll help you understand the material.  Take courses that really interest you and that you wouldn’t otherwise take, but keep in mind that you’ll want credits to transfer so you can graduate some day.  (NT)

The best way to find your classes is to read the course offering booklet and then sit in on as many as possible in the first few weeks after you arrive.  Choose the ones you’ll take based on the professor, his interaction with the students, his teaching style, and his manner of speaking.  I recommend Marco Bazzocchi for Italian literature. (BT)

Exams
When will my exams be? Will I have two exams in one week? In one day? Generally a professor midway through a course will announce to the class the date of the 1st appello/exam. Otherwise, the dates are posted online or you can go to office hours to ask. It is possible to have two exams in the same week, and on the same day, although generally professors are flexible and you can arrange to take one of the two on a different day.

Sample Exam Schedule: Fall/Winter
December 18: Contemporary Italian history
January 19: Contemporary Italian literature
January 25: Contemporary Italian literature
February 11: Italian linguistics/dialects

Sample Exam Schedule: Spring
May 5: Contemporary Italian literature
May 29: History of Italian language
June 17: History of Iran
June 23: History of Italian cinema

BCSP vs. UNIBO courses
I found the BCSP courses to be very similar to those of American universities. The advanced grammar class was very helpful. At UNIBO there is much less homework, although the reading can be pretty intensive.

I found the BCSP classes to be more guided in the teaching approach, with a kind of "theme" to the weeks…UNIBO courses felt more like lecture series by profs, and then completely self-guided reading/learning on exam topics afterwards. The presence of structure could be very helpful with BCSP, but there are definitely happy discoveries in the sometimes chaotic UNIBO.

BCSP: seminar environment, easier to understand professors, more possibilities to interact with professors.

UNIBO: huge choice of courses, a chance to see and be part of the Italian university in action, to interact with Italian students – and Erasmus students. Also a chance to take courses from many professors who are truly authorities in their field!

BCSP courses tended to be easier and more basic, but at times this was a relief when I felt overwhelmed by the UNIBO courses. I think BCSP chose great professors for their courses who really cared about the students. In general, UNIBO takes getting used to; expectations are often unclear and professors can be cold, but by the end of the year I felt I had learned to make the most of them.

BCSP classes are more structured, more like an American class. They also give a very unique opportunity to have closer contact with some of the best professors at UNIBO. At UNIBO, you are obviously on your own. Much more freedom; but that leads to procrastination….

BCSP courses were organized in the same way as American courses are. However, with this style the students are able to engage more in conversation, thus strengthening their Italian skills. The UNIBO courses were all lecture based with several students and involved no participation. However, it was a good experience to listen to the professor and become better with listening comprehension.

STUDIARE A BOLOGNA
Sembrerebbe l’ultima scelta verosimile per una studentessa straniera. Non siamo qui per studiare, giusto? Siamo qui per festeggiare, ubriacarci e per cacciare gli uomini al bar. Purtroppo, per quei  pochi di noi che hanno scelto dei corsi troppo difficili, devono, infatti, studiare. Ma dove? Ci sono posti non ovvii, e se sei abituato a studiare a casa o in biblioteca, sei sfortunato.

I posti disponibili per studiare invece, sono pochi, e se non hai un buon posto per studiare a casa tua, sei sfortunato. Per fare un esempio, ho scelto una casa in cui ci sono in apparenza due ragazzi che hanno come loro unico lavoro quello di uscire con la gente e dare delle feste a casa mia. Ho fatto delle cose assurde per studiare. Prima mi sono chiusa nella camera da letto, da sola. Ma che freddo! Le mura della nostra stanza sono tutte esterne, quindi si riscalda, ma poco. Mi sono attrezzata con una lampada, e ho cercato un po’ di riscaldamento sotto le coperte…e mi sono addormentata subito, ogni volta. Poi mi sono rivolta alla cucina. Nonostante sia piccola, la nostra cucina ha molta luce, è sempre più calda delle altre stanze della casa, e il fatto che è accanto al salotto mi permette di ascoltare la gente mentre festeggia, e non mi sento totalmente in esilio. Però,  quando c’era qualcosa che non capivo, mi mettevo a cucinare. Quante torte ho cucinato nei giorni prima del mio primo esame! Ovviamente neanche questa soluzione era ottima.

Poi mi sono messa a studiare in palestra, mentre correvo o mentre sollevavo i pesi. Dopo poco, non avevo più voglia di andare in palestra. Però, fra tutte le soluzioni questa era la migliore, perché per qualche ragione le cose che studiavo in palestra le ricordavo, e le ricordo ancora.

Fortunatamente ho fatto una piccola ricerca, e ho trovato delle sale di studio:

Via Zamboni 25
Questo bellissimo posto è la sola ragione per cui studio. Dio mio, è bello. Dopo sette mesi l’ho scoperto, dopo aver pensato per tutti questi mesi che la fila davanti al palazzo era una fila per la mensa. Soltanto un buon pasto può attirare quella folla, pensavo.

Quello che separa questo posto dagli altri è il silenzio rispettoso, la lucidità e la novità delle stanze. Però, con questi pregi vengono anche dei limiti. Non si può tenere acceso un telefonino in queste stanze, e si deve mostrare una tessera universitaria ed essere disposto a lasciarla al portiere. In più si deve aspettare che un posto si liberi, e qualche volta la fila è molto lunga. Però, una volta avuto un posto, si può entrare e uscire liberamente, per andare al bagno, alle macchine che vendono caffè e acqua, o per uscire dal palazzo per andare alla scuderia, che si trova nel palazzo accanto.

Ci sono, per alcuni di noi che hanno occhi che viaggiano durante lo studio, bellissimi affreschi sui i muri. Ci sono anche stazioni per l’accesso a internet per quelli vogliono. Secondo me è il migliore posto in tutta l’università.

Via Zamboni 35
Anche questo posto richiede la tessera, ed è molto vicino sia alle aule in via Zamboni 32 sia alle aule in via Zamboni 38, dove si terranno la maggior parte delle lezioni nella facoltà di lettere. C’è una grande zona che contiene le panchine per sedersi con altre persone, vicino alle macchine per comprare bevande e cibi. Ci sono bagni per uomini e donne, ma attenzione! Stranamente ci sono delle finestre dentro il bagno stesso, che permettono che il suono del gabinetto si riverberi per tutto il palazzo. È un po’ sconcertante! A parte questo, i bagni sono abbastanza puliti. Al secondo piano c’è una stanza in cui ci sono tavoli e sedie, per studiare, e c’è una selezione di libri, fra cui dizionari inglese-italiano, greco, latino, e vocabolari italiani monolinguistici.

Via San Petronio Vecchio
Difficile da trovare, però ne vale la pena. Nella zona anteriore, è tipo un salotto, ci sono dei giornali,  le bevande, ed i computer con la possibilità di stampare. Poi c’è una macchina che cambia soldi. C’è luce per tutti, i bagni non sono in uno stato terribile, ed è molto molto tranquillo. L’unica cosa è che è molto lontano dalle altre aule dove si tengono le lezioni.

Via delle Belle Arti
Se ci fosse un equivalente per il termine nello slang inglese "ghetto" in italiano, darei a questa sala di lettura il suo soprannome ufficiale. Ogni superficie ha alcune "scritture", qualche graffito e per ogni metro di superficie c’è almeno uno schizzo infantile e rozzo che mostra due o più persone nell’atto del coitus, spesso anche con le bolle dei fumetti, con le esclamazioni. È abbastanza tranquilla, a parte il fatto che ogni mormorio, ogni bisbiglio, giro di foglio si sente subito, e non tocchiamo per favore le occasioni in cui una persona osa fare la pipí. Però non c’è mai un’attesa, è veloce ed è vicino alle lezioni. Qui elenco fatti comparativi:

Bagni uomo/donna: sporchi (ma allora? Siamo in Italia, ricordati!) ma spesso con carta igienica (o, forse c’é qualche dubbio sulla sua qualità davvero igenica, l’ho sentita chiamare pure "carta da culo").

Luce: purtroppo, nonostante l’apparenza delle luci sopra ogni bacheca, l’unica luce disponibile è infatti quella generale, dal cielo. Varia da posto a posto, quindi fate da voi la ricerca.

Bacheche: per gli studenti, con una zona di fronte con volantini, sedie, ecc. A causa del fatto che gli studenti non usano mai questa zona, essendo la regola che devono stare seduti sulle scale di fronte per fumare, ho raramente visto qualcosa di interessante affisso sulla bacheca, però non fa male controllare.

Vicino: se hai bisogno di una pausa, questo locale si trova vicino al Giò Bar, al Conad Margherita, alla Kebab House, e a via Zamboni. 

Porta San Donato – viale Berti Pichat 4/6
La più bella del mondo, perche è grande, piena di luce e non cosi tanto piena di gente. Qui si trovano quelli della facoltà di astronomia e fisica. Non c’è mai rumore, e consiglio di studiarci il sabato mattina, quando hai tutto il posto per te!

Altri  posti consigliati:

via Santa Maria Maggiore, 1

Dipartimento di Storia – San Giovanni in Monte

Giardini Margherita